Image
Image

UN PO' DI STORIA

Il CEA di Verona è sorto nel 1958, grazie alla volontà e alla sensibilità del Provveditore agli studi Ugo Zannoni, il Comune di Verona, la Provincia di Verona ed i due istituti bancari, al tempo con maggior radicamento nel nostro territorio: la Cassa di risparmio di Verona, Vicenza e Belluno e la Banca mutua popolare di Verona.

Alla direzione del Centro venne chiamato Guido Bianchi, direttore didattico, con la passione per la musica, sensibile ed attento alla diffusione dei valori dell’arte. In breve tempo, il CEA divenne l’istituzione veronese che avviava i giovani ai più diversificati percorsi artistici oltre che un vero e proprio laboratorio nel quale fare significative esperienze estetiche.

Negli anni il CEA ha conservato questa sua tradizionale serietà nell’impostazione dei programmi e della didattica e, nel contempo, ha cercato di adeguare la proposta educativa ed artistica alle mutate esigenze culturali, anche aprendo i corsi a persone di qualsiasi età, dai bambini della scuola dell’infanzia fino agli adulti.

In un giusto equilibrio fra tradizione e innovazione, attraverso la promozione dello studio della dizione e della recitazione, delle arti figurative, della musica strumentale, del canto corale e della danza, il CEA offre tutt’oggi autentiche occasioni formative. Tutti noi, nei diversi ruoli, siamo impegnati insieme al corpo insegnante, affinché ogni itinerario artistico sia fonte di gioia e di arricchimento sul piano umano e culturale.

In oltre cinquant’anni di attività il CEA ha ottenuto riconoscimenti, attestazioni di stima e dimostrato di essere una scuola ben radicata in Verona, alla quale si rivolgono centinaia di famiglie. Un patrimonio di valori, di ideali e tradizioni che ci è affidato.

Ad ognuno di noi il compito di accrescerlo, nella consapevolezza che l’arte è nobile strumento per conoscere se stessi, per comunicare con il mondo in cui viviamo, e che amare il bello invita al rispetto, favorisce l’educazione alla vita e il perseguimento del Bene.